8. Benchmark sintetici


3DMark Fire Strike

ZOTAC GeForce RTX 3070 Twin Edge 8. Benchmark sintetici 1


3DMark, versione 2013 del popolare benchmark di Futuremark, ora UL Benchmarks, è stato progettato per misurare le prestazioni dell'hardware del computer, in particolare delle schede video.

Si tratta inoltre della prima versione di benchmark cross platform della celebre software house: con esso è infatti possibile testare le prestazioni sia dei comuni PC equipaggiati con Windows, sia dei device mobile equipaggiati con Windows RT, Android o IOS.

Questa versione include quattro prove, ciascuna progettata per un tipo specifico di hardware che adesso comprende, oltre ai PC ad alte prestazioni, anche quelli per uso domestico e dispositivi di classi diverse come i notebook, gaming e non, e terminali meno potenti come gli smartphone.

Come le precedenti release, il software sottopone la piattaforma ad intensi test di calcolo che coinvolgono sia la scheda grafica che il processore, restituendo punteggi direttamente proporzionali alla potenza del sistema in uso e, soprattutto, facilmente confrontabili.

Per valutare le prestazioni delle schede abbiamo scelto il test Fire Strike, quello dedicato ai sistemi di fascia alta, nella modalità Extreme (2560x1440 pixel) e nella modalità Ultra per la valutazione delle prestazioni in 4K.

La versione utilizzata è l'ultima disponibile, la 2.13.7004, che include il nuovo stress test ed il benchmark DX12 Time Spy con SystemInfo 5.31.859.

Teniamo a precisare che i punteggi riportati, come indicato nel grafico, sono riferiti alle prestazioni grafiche (Graphics Score) al fine di rendere il risultato il più indipendente possibile dalla piattaforma utilizzata e darvi modo di confrontare i nostri punteggi con quelli ottenuti dalla vostre configurazioni.


ZOTAC GeForce RTX 3070 Twin Edge 8. Benchmark sintetici 2


Il primo benchmark a mettere alla prova la nuova GeForce RTX 3070 Twin Edge di ZOTAC è, come di consueto, Fire Strike.

In questo frangente la scheda ottiene buoni risultati, accusando un distacco dalla top di gamma della generazione precedente del 6% in modalità Extreme; situazione opposta in modalità Ultra, dove la scheda in prova ottiene il secondo posto della classifica, distaccando la GeForce RTX 2080 Ti XTREME di quasi un 2%.


3DMark Time Spy

ZOTAC GeForce RTX 3070 Twin Edge 8. Benchmark sintetici 3


Time Spy è l'ultima fatica di Futuremark per i PC Desktop, un moderno benchmark sintetico in ambiente DirectX 12 che implementa molte delle novità più interessanti introdotte dalle API Microsoft.

Il motore di rendering del benchmark è infatti stato scritto basandosi sulle DirectX 12 con esplicito supporto a funzionalità quali Asynchronous Compute, prestando inoltre particolare attenzione all'ottimizzazione della gestione dei flussi di lavoro in ambito multi GPU esplicito e con massiccio ricorso al multithreading.

Per gli effetti di occlusione ambientale e per l'ottimizzazione degli effetti di illuminazione e il rendering delle ombre degli oggetti sono utilizzate le librerie Umbra (3.3.17 o superiori), mentre i calcoli per l'occlusion culling sono demandati alla CPU per non gravare sulla GPU.


ZOTAC GeForce RTX 3070 Twin Edge 8. Benchmark sintetici 4


La nostra "spia del tempo" vaga in un museo dove, all'interno di teche, sono visibili sia scenari ripresi dalle precedenti edizioni del 3DMark che completamente nuovi, il tutto ovviamente realizzato con il nuovo engine grafico ottimizzato per DirectX 12.

Grazie alla sua lente temporale la protagonista è in grado di creare una sorta di "mini portale" che ci mostra il museo nel passato e le permette anche di interagire con esso.

Da un punto di vista prettamente tecnico il benchmark opera a 2560x1440 ma, data la ricchezza e la pesantezza degli effetti, è in grado di essere anche più pesante del Fire Strike Ultra che, ricordiamo, serve per verificare le prestazioni in ambiente 4K.


ZOTAC GeForce RTX 3070 Twin Edge 8. Benchmark sintetici 5


Come si può notare dalle statistiche dei diversi test Futuremark, Time Spy risulta essere diversi ordini di grandezza più pesante rispetto a Fire Strike.

Da sottolineare che Time Spy utilizza le librerie DirectX 12 solo con features level 11_0 che permettono al test di girare su schede anche datate, sino alle GeForce GTX 680 e Radeon HD 7970 per la precisione, garantendo quindi un'elevata consistenza dei risultati anche se, ovviamente, alcune funzionalità come il conservative rasterization presente nelle versioni più recenti non viene messo alla prova.

A parte questa "omissione", tutte le novità più interessanti introdotte con le API DirectX 12 vengono utilizzate in Time Spy e, con specifico riferimento ad Asynchronous Compute, Futuremark dichiara che il carico di lavoro suddiviso tra CPU e GPU varia tra il 10 e 20% per ogni frame, mentre in termini di multi threading ogni core disponibile della CPU viene utilizzato per la gestione della coda dei comandi.

In ambiente multi GPU Time Spy utilizza la nuova funzionalità LDA esplicita delle DirectX 12, ovvero permette di utilizzare più GPU ma solo dello stesso tipo, a differenza di Ashes of the Singularity che utilizza la modalità MDA.

La tecnica di rendering utilizzata è l'AFR (Alternate Frame Rendering) che, per un test non interattivo, dovrebbe sempre garantire le migliori prestazioni in ambiente multi GPU.

Per quanto ci riguarda abbiamo eseguito i test sia in modalità standard (cioè con le impostazioni di default) e poi con dei run personalizzati alle diverse risoluzioni con Asynchronous Compute ON e OFF per valutare nel dettaglio le prestazioni delle schede nelle due diverse modalità.


ZOTAC GeForce RTX 3070 Twin Edge 8. Benchmark sintetici 6


Nel benchmark sintetico Time Spy con ASYNC attivo la scheda in prova perde leggermente terreno con un gap prestazionale rispetto alla GeForce RTX 2080 Ti XTREME del 6,8% in 4K e del 7,2% in QHD, tutto sommato differenze di poco conto, soprattutto se si considerano i rispettivi prezzi di lancio.

Rispetto alla controparte della generazione scorsa, in questo caso la ROG STRIX GeForce RTX 2070 SUPER di ASUS, la differenza è del 34,3% in QHD e del 40,1% in 4K, chiaramente in favore della GeForce RTX 3070 Twin Edge.


ZOTAC GeForce RTX 3070 Twin Edge 8. Benchmark sintetici 7


Passando alla modalità con ASYNC disattivato, si assiste ad un calo generale delle prestazioni che, essendo uniforme, lascia invariate le differenze percentuali.


ZOTAC GeForce RTX 3070 Twin Edge 8. Benchmark sintetici 8


Nella modalità Extreme di Time Spy, la GeForce RTX 3070 Twin Edge ottiene buoni risultati, con differenze simili a quelle registrate nella versione "base" del benchmark.


3DMark Port Royal & NVIDIA DLSS feature test

ZOTAC GeForce RTX 3070 Twin Edge 8. Benchmark sintetici 9


Rilasciato a gennaio 2019, Port Royal è un benchmark dedicato agli appassionati di gaming e di overclock che vogliono testare e confrontare le prestazioni Ray Tracing in tempo reale di qualsiasi scheda video con supporto alle API DXR di Microsoft, inclusi i sistemi multi-GPU.

Il Ray Tracing in tempo reale promette di portare nuovi livelli di realismo alla grafica di gioco e Port Royal utilizza DirectX Raytracing per migliorare i riflessi, le ombre e altri effetti difficili da ottenere con le tradizionali tecniche di rendering.

Oltre a misurare le prestazioni, 3DMark Port Royal è un esempio pratico e realistico di cosa aspettarsi da Ray Tracing nella rappresentazione della traiettoria che la luce compie dalla sorgente luminosa fino all'osservatore, a seconda che essa venga riflessa o rifratta.

3DMark Port Royal è stato sviluppato con il contributo di AMD, Intel, NVIDIA e altre importanti aziende tecnologiche e UL Benchmarks ha lavorato in stretta collaborazione con Microsoft per creare un'implementazione di prima classe delle API DirectX Raytracing.

L'ultimo aggiornamento reso disponibile da UL Benchmarks per 3DMark ha introdotto la modalità DLSS 2.0 per NVIDIA DLSS feature test, basato sul sopracitato Port Royal.


ZOTAC GeForce RTX 3070 Twin Edge 8. Benchmark sintetici 10


Le differenze relative all'utilizzo del Ray Tracing confermano la situazione vista in precedenza; la GeForce RTX 3070 Twin Edge, infatti, forte della presenza di RT Cores di 2a generazione, ottiene un vantaggio del 34,2% rispetto alla ROG STRIX GeForce RTX 2070 SUPER di ASUS con ASYNC attivo.


ZOTAC GeForce RTX 3070 Twin Edge 8. Benchmark sintetici 11


Nel benchmark NVIDIA DLSS Feature Test è interessante concentrarsi, piuttosto che sulle ormai chiare differenze prestazionali tra le schede, sull'impatto della nuova tecnologia DLSS 2.0.

Se utilizzando il DLSS gli FPS aumentano mediamente del 42% rispetto ad una situazione dove non viene affatto adottato, con il DLSS 2.0 la differenza è di tutt'altro livello: tutte le schede in prova ottengono un incremento medio di prestazioni di circa il 134,3% mantenendo, comunque, una resa grafica di alto livello.