Guida manutenzione impianto a liquido

Pagina 1 di 12 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 ... ultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 10 su 117
  1. #1
    Nexthardware Staff L'avatar di Chicco85
    Registrato
    Oct 2005
    Località
    Verona
    Età
    35
    Messaggi
    7,546
    configurazione

    Predefinito Guida manutenzione impianto a liquido

    Come per le autovetture, il nostro impianto necessita di una revisionata ogni tanto per garantire sempre il meglio delle prestazioni e metterci al riparo da eventuali situazioni poco piacevoli.
    Lo scopo di questo thread, è cercare di capire quando e come effettuare una revisione completa al nostro impianto, mantenedolo il più possibile funzionale e bello.

    Come e quando intervenire dunque?

    La risposta non è sempre univoca, poichè varia da componente a componete, per cui dobbiamo abituarci noi stessi a capire quando è meglio effettuare qualche intervento di revisione.

    Acqua

    Partiamo dall'elemento più semplice, più caratteristico, più pericoloso e quello che ci garantisce il raggiungimento di performace inarrivabili tramite raffreddamenti ad aria: l'acqua.
    Potrà sembrarvi banale, ma dalla qualità e dallo stato di quest'ultima, dipenderà in maniera inequivocabile la salute del nostro impianto.

    Che acqua usare?

    Ovviamente, non usate l'acqua di rubinetto. Quest'ultima infatti possiede delle caratteristiche totalmente inadatte all'utilizzo in un impianto da watercooling. Spesso infatti hanno una durezza totale molto elevata con un conseguente residuo fisso altrettanto elevato, possiedono ioni abbastanza reattivi che possono intaccare le parti metalliche (Cl-, Ca 2+ e compagnia bella) ecc... per cui, se non volete vedere pezzi di calcare che in poco tempo vi distruggono la pompa e vi intasano waterblock e tubi, evitatela assolutamente.
    Utilizzate invece acque distillate o, ancora meglio, acque d'osmosi, purchè sull'etichetta ci siano riportate le caratteristiche chimico-fisiche, così da essere sicuri al 100%.
    Le caratteristiche da tenere d'occhio sono:

    - gH (durezza totale)
    - kH (durezza carbonatica)
    - Residuo fisso (dipende dai valori sopra comunque)
    - NO2 (nitriti, quasi sicuramente assenti in acque distillate, ci mancherebbe)

    - NO3 (come sopra)
    - Cl-, Ca2+, Fe, Solfati ed altri anioni e cationi (devono essere assenti)

    In altre parole, ci dovrebbe essere solo H2O.

    Evitate anche il liquido da usare nei radiatori delle auto. Spesso non si sa bene cosa contengano, ed inoltre, sono progettati per funzionare a temperature diverse da quelle che incontrerebbero nel nostro impianto.
    Se non riuscite a trovare acqua d'osmosi o distillata, potete ripiegare sull'acqua (quella per i ferri da stiro, per intenderci) purchè stiate attenti a come si comporta nel vostro impianto. Quest'ultimo tipo di liquido infatti, tende ad avere una durezza ed un residuo fisso maggiore rispetto a quelli prima citati. Infine, fate attenzione che non ci siano profumi vari, all'interno dell'impianto non serve il profumo di mughetto selvatico, ma quel che è peggio è che queste sostanze possono essere dannose all'impianto stesso.

    Dopo quanto si deve cambiare l'acqua?

    E' buona regola controllare ogni tanto lo stato della stessa. Se quest'ultima diventa torbida con il tempo, è decisamente ora di cambiarla, di dare una pulita generale all'impianto e soprattutto di capire il perchè di questo intorbidimento. In linea di massima, se questo non accade, la stessa acqua può essere usata per anche 6 mesi o più, senza problemi di sorta.
    In un impianto chiuso inoltre, le operazioni di rabbocco sono ridotte al minimo, poichè l'acqua tende ad evaporare molto lentamente.

    Additivi

    Ecco una componente fondamentale, ma molto spesso sottovalutata o relegata al semplice ruolo nel modding. Un buon additivo è qualcosa in più di un accessorio per rendere più accattivante l'impianto. L'additivo deve essere scelto prima di tutto per le sue caratteristiche di antialghe e di lubrificatore per la pompa, piuttosto che per la sua brillantezza agli UV.
    Menzione particolare va a quei waterblock dotati di diffusori spray (comunque con fessure molto piccole). Alcuni additivi di scarsa qualità, tendono a formare grumi o piccoli aggregati che, ostruendo i fori dei diffusori, possono inficiare le prestazioni del waterblock. Ai possessori di tali wb quindi, rivolgo un'esortazione a scegliere il miglior additivo possibile, senza lesinare.
    In caso non vi piacesse il modding, ma volete solo la funzione antialghe, potete usare il citrosil (1 tazzina per 2 litri d'acqua).
    Un'ultima cosa... nel caso il vostro impianto sia costretto da cause di forza maggiore alla totale stasi per un discreto periodo di tempo, prima di ricominciare a riutilizzarlo normalmente, controllate che non vi siano dei depositi. L'acqua infatti, stando ferma per giorni e giorni, tenderà molto più facilmente a creare precipitati.

  2. #2
    Nexthardware Staff L'avatar di Chicco85
    Registrato
    Oct 2005
    Località
    Verona
    Età
    35
    Messaggi
    7,546
    configurazione

    Predefinito

    Pompa

    Ed ecco il componete che fornisce la spinta all'acqua ed è il vero e proprio cuore del circuito. Come il nostro cuore, ha bisogno di una controllata periodica, per evitare la formazione dei depositi e per eliminare rumorini dovuti alla perdita delle lubrificazione.
    Innanzitutto la pompa è un componete che in genere scalda, di conseguenza bisogna garantirle un adeguato apporto di raffreddamento. Per le pompe immerse, questo sarà garantito da l'acqua che le circonda, per quelle esterne, invece, è utile (se non necessario) provvedere.

    Manutenzione

    E' obbligatorio, nella completa revisione ciclica dell'impianto (quella per intederci che va fatta ogni 6-12 mesi a seconda delle caratteristiche dello stesso), smontare la pompa ed ispezionarne le parti mobili, quelle quindi più soggette a problemi.
    Una volta appurato che è tutto ok, allora si può procedere alla pulitura, all'ingrassamento ed al rimontaggio. Per quanto rigurda l'ingrassamento, utilizzate solo grassi specifici per utilizzo in acqua (grassi siliconici, ad esempio) ed inoltre, non esagerate. Se ciò accade il grasso in eccesso inizierà a circolare per l'impianto e, trattandosi di sostanze non idrosolubili, possono dare origine a depositi.
    Va anche detto, che un additivo di ottima qualità, funge anche da lubrificante per la pompa, riducendo al minimo gli interventi da parte nostra.
    Qualora la pompa iniziasse a far rumore, facesse fatica a partire o altro, la manutenzione necessariamente deve essere anticipata. Questo è per evitare che eventuali danni nella pompa non si aggravino fino a portare alla rottura improvvisa.
    Tutti questi accorgimenti sono facilmente applicabili alle pompe da acquari le quali, per evidenti esigenze, devono essere molto semplici, affidabili e facilmente smontabili per le operazioni di pulizia. Le pompe progettate appositamente per il water cooling (tipicamente le 12 volt a trascinamento magnetico), hanno una struttura più complessa, per cui evitate di smontarle se non avete una discreta esperienza. Inoltre, se operate i dovuti accorgimenti per l'acqua usata e l'additivo, generalmente questo tipo di pompe non necessitano di interventi di manutenzione.

    Illustrazione



    Vediamo un esempio pratico. La pompa nella foto è una Hydor seltz l25, una tipica pompa da acquari le cui caratteristiche potete reperirle facilmente on-line poichè è molto utilizzata anche nel watercooling. Ho preso questa pompa perchè era l'unica ad alberino e girante che avevo sotto mano, ad ogni modo le pompe di questo tipo sono tutte molto simili come costruzione.



    Vediamo lo smontaggio. E' molto semplice accedere all'alberino ed alla girante; basterà infatti girare l'anellino in plastica azzurra in modo da parlo uscire dalle guide. Sucessivamente lo si rimuoverà e il corpo girante-alberino e tappo anteriore si sfilerà facilmente.



    A questo punto, basterà rimuovere il tappino in gomma che blocca lo scorrimento posteriore della girante, per estrarla dall'alberino stesso e per procedere alla lubrificazione.
    Per questo scopo ho utilizzato un grasso particolare a base di silicone. E' un grasso inerte, atossico, incolore ed inodore e idrorepellente. Inoltre, è abbastanza denso e molto viscoso e questo gli permette di stratificarsi per bene tra il foro della girante e l'alberino senza però di staccarsi a pompa in funzione.
    A causa della sua viscosità però, va detto che non dovete assolutamente esagerare, pena la difficoltà di avviamento della pompa e il possibile ricircolo dell'esubero di grasso nel circuito.
    Infine, questo tipo di grasso ha bisogno di un pò di tempo per raggiungere le migliori prestazioni, per cui non vi spaventate se all'inizio vi sembrerà eccessivamente tenace.



    Ecco come ho lubrificato. Ho messo una punta di quel grasso nel foro anteriore della girante, in modo che, durante l'inserimento della stessa sull'alberino, il grasso inizi già a distribuirsi nel modo il più possibile uniforme.
    Una volta rimessa la girante sull'alberino, fate scorrere e ruotare le 2 componenti, per ottimizzare la distribuzione del lubrificante.
    Finito questo, rimontate la pompa ed eccola che è pronta per il riutilizzo.

    Manutenzione pompe a trascinamento magnetico (Swiftech MCP655)

    A seguito dello smontaggio del mio impianto a liquido, mi sono deciso a dare un occhio ad una delle pompe a trascinamento magnetico più diffuse, ovvero la Swiftech MCP655. Vediamo un pò come fare a smontarla e a pulirla.



    1- Per prima cosa, dovete svitare l'imponete ghiera in plastica:



    2- Poi, separate il corpo dalla parte anteriore. Avrete così due pezzi, quello anteriore con ingresso ed uscita della pompa, e quello posteriore con corpo della pompa e rotore:



    Nel mio caso, vedete quella patina verde-grigiastra, probabile residuo di un additivo UV utilizzato in precedenza (e di un radiatore non pulito alla perfezione)

    3- A questo punto, rimuovete l'o-ring dalla parte anteriore (fate attenzione a non pizzicarlo) e il rotore dal corpo della pompa:



    Procedete poi alla pulitura. NON utilizzate strani solventi (e nemmeno alcool) ma usate semplicemente un panno imbevuto di acqua distillata, da usare poi per risciacquare le parti della pompa che normalmente sono bagnate.

    4- Ecco il risultato:



    5- Ho fatto anche un'ulteriore cosa. L'alberino che supporta il rotore, termina con una perlina di ceramica (almeno così sembra). Ho provveduto a lubrificarla sempre con il famoso grasso siliconico, avendo cura di non eccedere:



    Ne ho messo giusto una punta, poi distribuita sulla superficie della perlina.


    Waterblock


    Forse il waterblock è il componete che permette la pulitura più agevole. Distinguiamo, per esigenze pratiche, i waterclock smontabili e quelli che non lo sono.
    Per i primi la manutenzione è molto semplice. Si procede con lo smotaggio e successivamente, utilizzando uno spazzolino da denti imbevuto di anticalcare, si strofina delicatamente fino a pulirlo per bene dagli eventuali residui calcarei. Una volta fatto, risciacquatelo abbondantemente con acqua distillata e rimontate il tutto, avendo la premura di controllarne la tenuta prima di procedere al montaggio a "colpo sicuro". Ricordatevi di controllare lo stato degli o-ring in gomma, per verificare che siano esenti da tagli e/o screpolature che potrebbero inficiarne la tenuta. Un ultimo pensiero va a quei wb con il top in plexyglass. Fate attenzione che con l'anticalcare il plexy rischia di opacizzarsi, per cui vi conviene lavarlo a parte con qualche detergente molto più delicato da seguire poi con un'accurata risciacquatura e asciugatura.
    Per la seconda tipologia (tipicamente wb a canaline ricavati da monoblocchi), basterà riempirli di anticalcare fino all'orlo dei raccordi e lasciarlo agire per una ventina di minuti. Poi procedete pure con il risciacquo. Se avete delle setole montate su un supporto flessibile, tanto meglio, riuscirete a pulire più efficacemente il vostro waterblock.
    Attenzione all'anticalcare che utilizzate, non deve essere troppo severo (per intenderci, non usate l'acido muriatico puro), un normale anticalcare che si usa per la pulizia del bagno va bene.
    Ovviamente, il risciacquo (sia del waterblock che, come vedremo successivamente del radiatore) non va fatto montando il circuito e facendo circolare acqua attivamente, a meno che non abbiate una pompa da buttare.


    Tubi

    In assoluto la parte più semplice da sistemare. Basterà infatti cambiarli al bisogno. Fate attenzione allo stato generale dei tubi, in particolare alla loro opacizzazione. Alcuni tubi infatti, come i crystal pur mantendosi perfettamente funzionali, dopo un periodo di tempo si opacizzano. I tubi siliconici invece, così come i famigerati tygon (che, per inciso, non sono a base di silicone), non vanno incontro a questo processo (perlomeno non così rapidamente come i crystal).
    Un tubo in buono stato deve mantenere inalterate alcune caratteristiche come l'elasticità e l'assenza di screpolature. Queste due peculiarità, spesso vanno a braccetto e se un tubo è troppo vecchio generalmente è poco elastico e può presentare delle screpolature, particolarmente in presenza di fascette o presso le curve a raggio stretto. E' chiaro che queste cose non dovrebbero essere presenti, poichè rappresentano un punto debole nella parete del tubo.
    Particolare attenzione prestatela alle fascette utilizzate ed al serraggio di quest'ultime. Evitate le facette metalliche a serraggio a vite, poichè potreste tagliare il tubo (specialmente i delicati tubi siliconici). Usate quindi quelle in plastica, e non siate eccessivamente severi nel serraggio. Il compito della fascetta infatti non è quello di impedire la fuoriscita del liquido, a quello ci pensano i raccordi ben adesi alla parete interna dei tubi, ma è quello di impedire lo sfilamento del tubo dal raccordo, facendo presa sulle zigrinature del raccordo stesso.



    Questo di cui sopra, è un tipico esempio di tubi da sostituire senza pensarci due volte. Sono tubi crystal, con la loro classica opacizzazione (vedete il tubo centrale rappresentato da un crystal nuovo). Inoltre, se guardate bene, essi sono anche verdi. Questo perchè tendono ad assorbire un pò l'additivo.
    Quanto ai tubi Tygon, questi ultimi sono gli unici ad aver ottenuto la certificazione FDA (Food and Drug Administration), per la bassa emissione di sudori e di odori, oltre ad essere esente da cadmio o siliconi.

    Radiatore

    La procedura di manutenzione del radiatore è sostanzialmente simile a quella eseguita per il waterblock a canaline. Vanno prese delle precauzioni però. La grande maggioranza dei radiatori per il watercooling sono costituiti da tubi a celle piatte. Tale struttura interna tende a tratterene liquido all'interno, per cui prestate molta attenzione alla fase di risciacquo e svuotamento del radiatore dopo l'utilizzo dell'anticalcare.
    Fate circolare l'acqua per il risciaquo in un verso e nell'altro per diverse volte, finchè non la vedete perfettamente limpida. Poi procedete allo svuotamento, avedo cura di scuoterlo per bene perchè, per il motivo che ho menzionato sopra, ci sarà ancora parecchia acqua dentro. Personalmente, dopo aver scosso per bene il tutto adotto un semplice ed efficace metodo per l'asciugatura completa. Utilizzo un compressore che, una volta posto in uno dei due raccordi in modo da tapparlo completamente, viene acceso. Inclinado il radiatore nel modo giusto, uscirà tutta quell'acqua che prima non era riuscita ad uscire. Anche qui, come il risciacquo, conviene ripetere l'operazione nei due sensi.

    -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

    Eccoci giunti alla fine di questa breve guida. Se avete metodi alternativi per la pulizia del vostro impianto siate liberi di utilizzarli, purchè siate perfettamente sicuri che non siano procedure che non portano a danneggiare i vari componenti che lo compongono.

    Se avete domande, postate pure.

    Ciao a tutti.

  3. #3
    Amministratore L'avatar di giampa
    Registrato
    May 2002
    Località
    Pisa
    Età
    56
    Messaggi
    23,329

    Predefinito

    ottimo lavoro...


    "Scusate, ma se quest'anno in Texas ci avete spedito questo deficiente, vuol dire che c'è speranza per tutti?"

  4. #4
    tebibyte L'avatar di warez
    Registrato
    Feb 2005
    Località
    neapolis
    Età
    45
    Messaggi
    1,916

    Predefinito





    /warez

  5. #5
    kibibyte L'avatar di bones
    Registrato
    Apr 2006
    Località
    Prato
    Età
    35
    Messaggi
    441

    Predefinito

    Complimenti Chicco, bel lavoro

  6. #6
    Nexthardware Staff L'avatar di Chicco85
    Registrato
    Oct 2005
    Località
    Verona
    Età
    35
    Messaggi
    7,546
    configurazione

    Predefinito

    Troppo buoni, la cosa più importante è che sia utile al numero più elevato possibile di utenti.

    Se avete suggerimenti o metodi alternativi postate, in un forum si può seguire dei criteri di dinamicità che in altre sedi sono impossibili da seguire.

  7. #7
    nibble L'avatar di sualocin
    Registrato
    Feb 2006
    Messaggi
    78

    Predefinito

    bella guida!
    non è che qualcuno ha smontato la swiftech 655 e l'ha pulita e ha voglia e pazienza di postare qualche foto, così in caso di bisogno riuscirò a non fare boiate

  8. #8
    Nexthardware Staff L'avatar di Chicco85
    Registrato
    Oct 2005
    Località
    Verona
    Età
    35
    Messaggi
    7,546
    configurazione

    Predefinito

    Guarda, in generale, con l'acqua e l'additivo giusti in teoria la pompa non dovrebbe essere sporca.

    Ad ogni modo, per smotarla, devi mollare il grosso anello in plastica, ha un serraggio a vite.
    Poi potrai accedere ai vari componenti:



    Sono pompe meno delicate e necessitano di meno manutenzione delle tradizionali pompe d'acquario, a patto che si osservino le accortezze sopra menzionate.

  9. #9
    nibble L'avatar di sualocin
    Registrato
    Feb 2006
    Messaggi
    78

    Predefinito

    grazie

    che aditivo usi tu?io per adesso solo distillata perché quello dell'alphacool mi ha fatto reazione con una polverina (cosi ha detto Alex_TA e mi fido ) che usano al termine della produzione dei radiatori, ed aveva fatto depositi rossastri

    Voglio un buon additivo, va miscelato prima e poi inserito nel circuito cme avevo fatto o si può rabboccare con l'additivo volendo?

  10. #10
    Amministratore L'avatar di giampa
    Registrato
    May 2002
    Località
    Pisa
    Età
    56
    Messaggi
    23,329

    Predefinito

    citrosil e basta....


    "Scusate, ma se quest'anno in Texas ci avete spedito questo deficiente, vuol dire che c'è speranza per tutti?"

Pagina 1 di 12 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 ... ultimo

Informazioni Thread

Users Browsing this Thread

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Discussioni simili

  1. Manutenzione impianto a liquido
    By martufo in forum -= Water Cooling =-
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 03-09-2006, 15:28

Tags

Regole d'invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
nexthardware.com - © 2002-2018

Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.1