Il NAA, questo sconosciuto...

Pagina 25 di 31
prima
... 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 ultimo
Visualizzazione dei risultati da 241 a 250 su 302
  1. #241
    tebibyte L'avatar di UnixMan
    Registrato
    Sep 2013
    Messaggi
    2,511
    configurazione

    Predefinito

    Originariamente inviato da alex_i
    l'USB è soggetta a jitter anni fà come adesso, nonostante l'asincrono. Mentre l'spdif non soffre altrettanto, anche se non'è totalmente immune.


    Ossignour... ma chi è che vi racconta certe stupidaggini!?

    Casomai, è molto più vicino al vero proprio il contrario!!!
    marcoc1712 and bigtube like this.
    Ciao, Paolo.

    «Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela per uno. Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee.»

  2. #242
    pebibyte L'avatar di marcoc1712
    Registrato
    Jan 2013
    Messaggi
    5,240
    configurazione

    Predefinito

    Originariamente inviato da bibo01
    Infatti queste cose mi infastidiscono.
    Mi dicono che il prezzo è 198euro e delivery 10 settimane, quando sull'ordine è tutt'altro!!!
    A che modello ti riferisci tu?

  3. #243
    pebibyte L'avatar di marcoc1712
    Registrato
    Jan 2013
    Messaggi
    5,240
    configurazione

    Predefinito

    Originariamente inviato da UnixMan


    Ossignour... ma chi è che vi racconta certe stupidaggini!?

    Casomai, è molto più vicino al vero proprio il contrario!!!
    Una volta esisteva la protezione contro la pubblicità ingannevole, oramai chiunque scrive qualsiasi cosa su un forum e nessuno può dire nulla...

    Ennesimo esempio di come la burocrazia non serve a nulla, è sempre un passo indietro. Deve pensarci il mercato (cioè noi) a 'bastonare' i truffatori, che potranno anche gabbare qualcuno, ma alla fine vengono smascherati e spariscono sotto il peso delle loro stesse menzogne.

    Sia chiaro che non intendo accusare nessuno qui scrivente, ma un minimo di spirito critico - che equivale al non andare al mercato con la borsa aperta ed i contanti ben in vista - bisogna pur mettercelo da parte nostra, altrimenti siamo pecore alla tosa...

    NON E' VERO!

    Poi, ognuno si convince di quello che vuole e se l'unico parametro di giudizio è la sensazione soggetiva, beh accomodatevi pure.

    A tal proposito, vorrei proporvi una manciata di processori pentium del 2005, pare che quello specifico lotto di produzione abbia una struttura molecolare del silicio tale per cui la gestione degli IRC risulta particolarmente accurata.

    Il clock di sistema ne giova, eliminando il drift rispetto ai segnali provenienti dai satelli GPS causato dal noto effetto relativistico gravitazionale di dilatazione temporale. Il vantaggio nell'ascolto di stream provenienti da sistemi misti satellite/terreste è impagabile e visto l'alta probabilità che in una qualche fase del ciclo di registazione/riproduzione di un qualsiasi prodotto musicale ciò avvenga, quasi ogni programma musicale ne giova.

    I risultati sono stratosferici, notte e giorno non rendono la differenza, nessuno può considerarsi un serio audiofilo senza provare nel proprio sistema uno di questi chip.

    Il massimo si ottiene realizzando un sistema multiprocessore alimentato in lineare con schermatura doppia ed isolamento tellurico, ma già solo appoggiando un paio di chip sul case in corrispondenza delle giunzioni CPU/RAM, avendo cura di orientarli SUD/NORD e ponendoli a distanza adeguata, nel rispetto della costante di Fidia, si ottengono buoni risultati.

    I miei sono disponibili alla modica cifra di 3500 Euro l'uno, ma fate presto ne rimangono solo 995!
    bigtube, UnixMan and lucadita like this.

  4. #244
    Moderatore L'avatar di bibo01
    Registrato
    Oct 2010
    Messaggi
    4,545
    configurazione

    Predefinito

    Aspetto notizie e poi vi faccio sapere

  5. #245
    nibble L'avatar di alex_i
    Registrato
    Feb 2013
    Messaggi
    51

    Predefinito

    Originariamente inviato da UnixMan


    Ossignour... ma chi è che vi racconta certe stupidaggini!?

    Casomai, è molto più vicino al vero proprio il contrario!!!


    E chi racconta che è il contrario (apparte te)? Sicuramente sbaglierò io, avrò letto male decine di volte nelle riviste, nelle recensioni, nei blog, nei siti e nei forum. Ma sono molto curioso di leggere il contrario. Aspetto tuoi lumi su dove aggiornarmi.
    Ultima modifica di alex_i : 24-02-2015 a 20:02

  6. #246
    kibibyte L'avatar di Maggio
    Registrato
    Nov 2013
    Messaggi
    376

    Predefinito

    Originariamente inviato da bibo01
    Aspetto notizie e poi vi faccio sapere

    Bibo io ho trovato questo (ho cancellato ogni riferimento).



  7. #247
    tebibyte L'avatar di UnixMan
    Registrato
    Sep 2013
    Messaggi
    2,511
    configurazione

    Predefinito

    Originariamente inviato da alex_i
    E chi racconta che è il contrario?
    la teoria, la pratica, i fatti.

    Partiamo dal principio: il famigerato "jitter" rappresenta un problema soltanto in pochi, ben determinati punti del sistema. Per la precisione, in tutti e soli quei punti del sistema in cui sia ha una interazione tra ciò che rappresenta "l'ampiezza" del segnale audio con un segnale di clock (de La Palisse).

    Quali sono questi punti? Normalmente, ben pochi. Idealmente, soltanto due:

    1) alla fonte, in fase di produzione, laddove un clock detta gli istanti in cui il segnale analogico viene campionato per essere convertito in digitale (ADC);

    2) alla destinazione, laddove un altro clock (idealmente perfettamente "uguale" a quello utilizzato nel processo di conversione A/D) viene "ricombinato" con i dati digitali per ricostruire un segnale analogico (DAC).

    Oltre a questi, un altro eventuale "punto sensibile" si ha laddove si effettui un "reclocking asincrono", cioè una "Asynchronous Sample Rate Conversion" (ASRC). Questo è un procedimento che consente di "sincronizzare" uno stream digitale ad un clock diverso (asincrono) rispetto a quello dello stream in ingresso (oltre a cambiarne eventualmente il "sample rate", cioè la frequenza di campionamento). Detto in parole povere (e semplificando), in sostanza consiste nel ricampionare lo stream originale con un nuovo clock, un po' come se si stesse campionando un segnale analogico.

    Ma cos'è questo jitter? Detto in parole povere, è la differenza temporale tra l'intervallo di tempo perfettamente costante che idealmente dovrebbe intercorrere tra un campione ed il successivo e l'intervallo di tempo -variabile- che intercorre tra due diversi campioni successivi nella realtà. Tale variazione può essere più o meno casuale e/o (peggio) correlata ai dati (al segnale audio).

    Perché è importante? perché un campione "giusto" nel momento sbagliato è un campione sbagliato.

    Il segnale analogico di uscita è il risultato della "combinazione" dei dati con il clock. Se il clock non è "esatto", anche se i dati digitali sono esatti il segnale analogico che ne risulta non lo è.

    Una cosa fondamentale da ricordare è che, a differenza dei dati digitali (che, in quanto tali, sono sostanzialmente "incorruttibili") il clock, pur essendo (solitamente) "quadrato", è un segnale in tutto e per tutto assolutamente analogico!! In quanto tale, il clock è facilmente soggetto ad ogni sorta di perniciose alterazioni.

    Qualsiasi cosa si trovi sul percorso del segnale di clock (inclusi i semplici collegamenti, come cavi e piste di un PCB) ne altera inevitabilmente ed irreparabilmente le caratteristiche, causando in definitiva un aumento del jitter.

    Ne consegue che, per minimizzare il jitter, il clock deve essere fisicamente collocato il più vicino possibile agli elementi sensibili di cui sopra:

    1) in fase di "produzione", deve essere montato a ridosso dell'ADC;

    2) in fase di ri-produzione deve essere montato a ridosso del DAC.

    Altra cosa ovvia e fondamentale è che l'oscillatore di clock deve essere intrinsecamente stabile ed indipendente. L'uso di PLL o altri artifici simili porta inevitabilmente ad un aumento del jitter rispetto a quello prodotto da un buon oscillatore al quarzo.

    La connessione S/PDIF è stata (ed è ancora) uno dei peccati originali dell'audio digitale. Se la sua "sorella" professionale AES/EBU poteva (e può) anche andare bene in fase di produzione (cioè tra ADC e registratore digitale), altrettanto non si può certo dire per la fase di riproduzione. Tutt'altro.

    Arrivati a questo punto, il primo, enorme problema dovrebbe essere evidente: l'S/PDIF mette il clock "dalla parte sbagliata", nel "trasmettitore" (sorgente), lontanissimo dal DAC!

    Ed è lontanissimo non solo fisicamente, ma anche "elettricamente", dovendo attraversare un bel po' di elettronica varia (oltre a cavi e connessioni) prima di arrivare al DAC. Ne consegue che il jitter va alle stelle.

    Ma non finisce qui. C'è anche un altro problema, forse ancora maggiore: lo standard S/PDIF (così come anche l'AES/EBU) non prevede connessioni dedicate e separate per dati e clock: al contrario, il clock viene "mischiato" con i dati, ed è il flusso stesso dei dati a trasportare anche l'informazione temporale. Il "ricevitore" (S/PDIF, Toslink o AES/EBU che sia) è costretto ad utilizzare un PLL (o un ASRC) per ricostruire il segnale di clock a partire dallo stream dei dati!

    Va da sé che non solo questo aumenta ulteriormente (ed enormemente) il jitter, ma fa di ben peggio: crea un jitter fortemente correlato con i dati, che è il tipo di jitter più dannoso dal punto di vista della qualità del suono percepita all'ascolto!

    Insomma, peggio di così si muore.

    O quasi. Chi si è inventato le vecchie interfaccie USB "adattive" sembra essersi messo d'impegno per riuscire a fare qualcosa di almeno altrettanto sbagliato (se non perfino peggiore). Utilizzando una connessione sincrona e legando il clock dei dati a quello del bus USB (anche qui generato dalla "sorgente", per giunta di pessima qualità) ed utilizzando (necessariamente) un ASRC dato che il clock del bus USB non è in relazione intera con quelli tipici degli stream audio. Un disastro.

    Ma questa (per fortuna) è acqua passata.

    Le interfacce USB asincrone invece risolvono alla radice il problema, mettendo il clock "dalla parte giusta" (quella del DAC) e lasciando che sia questo a "dettare il ritmo" della trasmissione (che è totalmente indipendente dal clock del bus USB).

    In un sistema realizzato correttamente (purtroppo sono ben pochi), il (master) clock è montato direttamente a ridosso del chip del DAC (cioè a pochi millimetri da questo) e da li poi inviato "indietro" verso l'interfaccia USB.

    Con i dovuti accorgimenti (layout, gestione delle masse, alimentazioni curate e indipendenti, isolamenti galvanici verso l'interfaccia USB, ecc) questo consente di ridurre il jitter "visto" dal DAC (cioè quello che influenza l'uscita analogica) a poco più di quello intrinseco (ed inevitabile) dell'oscillatore stesso. Il quale, utilizzando opportuni oscillatori appositamente ottimizzati, oggi può essere veramente molto basso.

    Il resto lo ha spiegato ottimamente John Swenson, per cui non sto a riprovarci io. Puoi leggerlo qui:

    Q&A with John Swenson. Part 1: What is Digital?

    Q&A with John Swenson. Part 2: Are Bits Just Bits?

    Q&A with John Swenson. Part 3: How bit-perfect software can affect sound



    P.S.: se poi preferisci credere alla montagna di vera e propria disinformazione generata dalla fuffa del marketing di produttori e spacciatori vari di prodotti "audiophile" che cercano di vendere in ogni modo i loro specchietti per allodole... fai come vuoi. Io non ho nulla da vendere, in tasca non me ne viene niente.
    Ultima modifica di UnixMan : 24-02-2015 a 21:40
    lucadita, bigtube and Maggio like this.
    Ciao, Paolo.

    «Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela per uno. Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee.»

  8. #248
    nibble L'avatar di alex_i
    Registrato
    Feb 2013
    Messaggi
    51

    Predefinito

    un estratto della descrizione della hiface:
    LOW JITTER, LOW PHASE NOISE, HIGH STABILITY OSCILLATORS Most audio interfaces and USB-provided DACs refer the data stream clock to the same USB interface clock, that often suffers a very heavy jitter (short range oscillator frequency variations). Thanks to two quartz precision oscillators used on M2Tech hiFace, clock source for output data stream features a very low jitter. A more stable clock is recovered by DAC S/PDIF receiver; a low jitter produces a very limited sound image distortion and degradation. Phase noise (main responsible for jitter) is also very low: this guarantees a short and long range clock stability, also reinforced by a board supply voltage regulation (e.g. at environmental temperature stability is 2-5ppm approximately, compared to 50-100ppm performed by oscillators normally used on commercial CD players).


    Se si usasse una prolunga usb (dato che l'usb della hiface e asincrona) e la hiface attaccata al dac?

  9. #249
    kibibyte L'avatar di lucadita
    Registrato
    Oct 2014
    Località
    Vercelli
    Età
    50
    Messaggi
    445
    configurazione

    Predefinito

    Originariamente inviato da UnixMan
    la teoria, la pratica, i fatti.
    [OMISSIS]
    Il NAA, questo sconosciuto...-standing-ovation.jpg

    Paolo Santo subito!!!! :-)

  10. #250
    tebibyte L'avatar di bigtube
    Registrato
    May 2012
    Località
    cagliari
    Età
    66
    Messaggi
    2,255
    configurazione

    Predefinito

    Originariamente inviato da lucadita
    Paolo Santo subito!!!! :-)
    E quando ci vuole....lo trovano.


    PS: Quanto fa' pena il protocollo SPDIF ci si rende conto solo dopo averlo abbandonato.....una liberazione.
    Ci si puo' accontentare persino di un DAC cinese pur di mollarlo.
    Ultima modifica di bigtube : 24-02-2015 a 22:53

Informazioni Thread

Users Browsing this Thread

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Regole d'invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
nexthardware.com - © 2002-2018

Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.1